In Florence Today.com


In Florence Today.com
Dolce Vita
Ristoranti



Booking.com


ACF Fiorentina: la sua storia dal 1926 ad oggi

ACF Fiorentina ACF Fiorentina: la sua storia dal 1926 ad oggi.

ACF Fiorentina: la sua storia dal 1926 ad oggi Firenze
ACF Fiorentina: la sua storia dal 1926 ad oggi - Firenze

La città di Firenze, oltre ad essere la culla rinascimentale di un patrimonio artistico senza eguali, conserva anche una significativa storia calcistica.

L’Associazione Calcio Fiorentina è stata fondata nel 1926 ad opera del marchese Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano, frutto della fusione tra il Club Sportivo Firenze e la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas.
Di recente, nel 2019, la sua proprietà è stata trasferita dai fratelli Diego ed Andrea Della Valle a Rocco Commisso, un imprenditore italo-statunitense.

Reduce dalla sconfitta prenatalizia contro la Roma, la Fiorentina avrà delle partite importanti da giocare a gennaio. Tra queste, quella contro l’Atalanta, che intanto si prepara alla sfida contro il Valencia agli ottavi di finale in Champions League, ponendosi tra le rivelazioni di questa stagione secondo le quote scommesse di Seria A grazie alla brillante performance degli uomini di Gasperini.

Nel corso della sua storia, la Fiorentina ha vinto sei Coppe Italia, una Supercoppa italiana ed è stata la prima squadra italiana a vincere una Coppa UEFA, la Coppa delle Coppe tra il 1960 ed il 1961.
Il suo fondatore Ridolfi scelse il colore viola come colore sociale nel 1929, mentre il suo stemma è un giglio rosso su di uno sfondo bianco, simbolo della città di Firenze.
I giocatori della Fiorentina indossarono le maglie viola per la prima volta in un amichevole contro la Roma. Vinsero il campionato di Serie B nella stagione 1930-1931, ottenendo la loro prima promozione in Serie A.
Durante la loro prima stagione in Serie A, la squadra fiorentina guadagnò il quarto posto. In quegli anni debuttò nelle competizioni calcistiche europee, come la Coppa dell’Europa Centrale nel 1935. Tuttavia, nella stagione tra il 1937 ed il 1938, la Fiorentina retrocedette in Serie B, per poi ritornare ad essere promossa in Serie A l’anno successivo.
Nel 1940, i viola conquistarono il loro primo trofeo della storia, ovvero la Coppa Italia, mentre nella stagione tra il 1955 e 1956 conquistarono il loro primo scudetto con cinque giornate d’anticipo.

Gli anni sessanta furono anni d’oro per la Fiorentina, classificandosi sempre ai primi posti della Serie A e conquistando la Coppa Italia nel 1966. Nella stagione tra il 1968 ed il 1969 giunse anche il suo secondo scudetto, con una squadra allenata da Bruno Pesaola che aveva raccolto numerose giovani promesse. In questi anni, data la sua brillante performance, alla squadra fiorentina le si diede l’appellativo di ‘’Fiorentina Ye-Ye’’.

Tuttavia, intorno ai primi anni settanta, i viola subirono un calo rispetto ai precedenti decenni. Ben presto ci fu una ripresa, con la vittoria della sua quarta Coppa Italia e la Coppa di Lega Italo-inglese nel 1975.
Tra i 1981 ed il 1982, i viola si contesero sino all’ultima giornata lo scudetto con la Juventus. Nel 1990, la Fiorentina arrivò in finale di Coppa UEFA contro la Juventus, che le sfilò nuovamente il titolo. Tuttavia, questa fu la prima volta in cui due squadre italiane si contesero un trofeo confederale.

ACF Fiorentina: la sua storia dal 1926 ad oggi Firenze

Successivamente però ci fu la retrocessione in Serie B nella stagione a cavallo tra il 1992 ed 1993. Tuttavia, i viola ottennero nuovamente la promozione in Serie A l’anno successivo, in cui si classificarono terzi. Quell’anno la presidenza venne concessa a Vittorio Cecchi Gori, il quale ottenne risultati altalenanti in quasi tutte le stagioni successive. Da ricordare è la vittoria della Coppa Italia come quella della Supercoppa, entrambe nel 1996.

Dopo trent’anni la Fiorentina tornò a giocare la massima competizione internazionale nella stagione, soprendendo i bookemakers e le quote scommesse delle Serie A tra il 1999 ed il 2000, vincendo la sesta Coppa Italia l’anno successivo con Roberto Mancini alla sua guida tecnica come esordiente.
Tuttavia, nonostante la squadra fiorentina avesse ceduto alcuni dei suoi giocatori più illustri, come Toldo, Rui Costa e Batistuta, durante l’estate del 2001 il Tribunale di Firenze iniziò una procedura di fallimento a suo carico. In tale situazione, la Fiorentina retrocedette in cadetteria, cosa che non si ripeteva dal 1993. In seguito, non potendosi iscrivere alla Serie B per la stagione 2002-2003, la società venne dichiarata fallita.
Nel 2002 nacque la Fiorentina 1926 Florentia, ad opera del sindaco di Firenze Leonardo Domenici. In seguito, venne iscritta alla Serie C2 ed acquistata dall’imprenditore Diego Della Valle, rinominata Florentia Viola.
Dopo anni difficili, i viola tornarono in Serie A nella stagione tra il 2003 ed il 2004. Successivamente, coinvolti nello scandalo noto come Calciopoli, ottennero delle penalizzazioni tra il 2005 ed il 2006, con l’estromissione dalle coppe europee.
Tuttavia, nella stagione tra il 2007 ed il 2008 riuscirono a qualificarsi comunque alla Coppa UEFA, concludendosi con un’amara sconfitta in semifinale contro i Rangers. Nella stagione tra il 2013 ed il 2014, invece, persero la finale di Coppa Italia contro il Napoli.

In Florence Today è aggiornato ogni giorno

© In Florence Today
Tutti i diritti riservati