Cookie Consent by PrivacyPolicies.com
InFlorenceToday.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano


InFlorenceToday.com
PortuguêsDeutschFrançaisEspañolEnglishItaliano
Dolce Vita
Ristoranti



Booking.com

Mostra Emiliano Maggi. Songs and Spells al Museo del Novecento di Firenze

La Mostra Emiliano Maggi. Songs and Spells in corso al Museo del Novecento di Firenze: gli orari, i periodi, il costo dei biglietti e le opere, la sede espositiva.

Mostre a Firenze per settore artistico: Pittura, Scultura, Arte Contemporanea, Fotografia.

Mostre a Firenze per stagione: Primavera, Estate, Autunno, Inverno, 2019, 2020.

Tour a FirenzeVieni a Firenze? Prenota il tuo tour in anticipo e salta la coda!

Acquisto biglietti tour Firenze

Scegli tra più di 150 esperienze a Firenze e dintorni: biglietti per gli Uffizi e gli altri musei, tour gastronomici e privati, visite serali.

Mostra Emiliano Maggi. Songs and Spells Firenze
Emiliano Maggi. Songs and Spells - Museo Stefano Bardini, Via dei Renai, 37 - Firenze

Mostra in corso dal 2 dicembre 2022 al 13 marzo 2023

Emiliano Maggi torna a Firenze con Songs and Spells (2 dicembre 2022 – 13 marzo 2023), prima mostra monografica istituzionale dell’artista, concepita per le sale del Museo Stefano Bardini, a cura di Caroline Corbetta.

Comunicato stampa della Mostra Emiliano Maggi. Songs and Spells

Dopo essere stato protagonista durante la Florence Art Week, Emiliano Maggi (Roma, 1977) torna a Firenze conSongs and Spells (2 dicembre 2022 – 13 marzo 2023), prima mostra monografica istituzionale dell’artista, concepita per le sale del Museo Stefano Bardini, a cura di Caroline Corbetta.

Con Songs and Spells l’artista instaura una connessione con la stratificazione sintetica di epoche e stili del museo fiorentino. Oltre una ventina di sculture in ceramica realizzate da Maggi dal 2018 ad oggi, con fogge e finiture diverse, ora opache ora lucidissime, e una piccola serie di nuovi dipinti, compongono un percorso espositivo incentrato sul tema della metamorfosi dove ogni soggetto è catturato in un momento di trasformazione. Busti le cui fattezze paiono sul punto di liquefarsi o ricomporsi sotto l’effetto di un incantesimo, parti anatomiche in cui si innestano elementi animali, ma anche oggetti-sculture attraverso cui la presenza umana è evocata come l’eco di una canzone.

“A Firenze la prima monografica italiana di un artista di prim’ordine come Emiliano Maggi che abbiamo già visto all’opera durante la Florence Art Week con una performance suggestiva. È la terza tappa fiorentina quindi di un progetto artistico all’avanguardia che dimostra ancora una volta come la nostra città sia ormai sede ideale per la contemporaneità sul fronte della cultura. È importante poi che questa prestigiosa iniziativa trovi sede in un piccolo gioiello come il Museo Bardini”, ha sottolineato la vicesindaca e assessora alla Cultura Alessia Bettini.
“Dopo John Currin, Glenn Brown, Luca Pignatelli, Ali Banisadr e Anj Smith, il Museo Stefano Bardini accoglie la prima mostra monografica in un museo italiano di Emiliano Maggi, artista tra i più apprezzati del panorama nazionale” spiega Sergio Risaliti, Direttore del Museo Novecento. “Con questa operazione, il Museo Novecento continua la sua attività fuori dalle mura delle ex Leopoldine incoraggiando lo scambio sinergico tra patrimonio storico-artistico della città e produzione artistica contemporanea. Nelle opere di Maggi gli antichi miti, le favole e le leggende assumono nuova vitalità, intrecciandosi in una narrazione che genera creature fantastiche, metamorfiche e dalla natura ibrida”.

“Lavorare con un patrimonio storico-artistico come quello del Museo Bardini rappresenta, per l’artista ma anche per il curatore, un’occasione unica di scambio con la tradizione, tra affinità e discontinuità, che contestualizza l’arte di oggi e attualizza quella del passato” dichiara Caroline Corbetta, curatrice della mostra. “Emiliano Maggi rivendica il potere dell’immaginazione di riattivare il passato mettendolo in connessione con il presente dando luogo ad una sintesi artistica generativa. L’ibridazione messa in atto dall’artista non è solo cronologica e stilistica: le creature incantate, senza genere e specie definiti, che ha plasmato e dipinto alludono ad un’immaginifica armonia tra uomo e natura”.

Ultimo episodio del suo progetto per la città di Firenze - avviato lo scorso settembre con la performance Water Spell, che ha visto l’artista risalire l’Arno a bordo di un’imbarcazione accompagnato dai musici del Corteo Storico fiorentino, seguita dalla realizzazione dei premi per RINASCIMENTO+, riconoscimento internazionale al mecenatismo e collezionismo d’arte contemporanea - la mostra si presenta come un suggestivo viaggio attraverso la stratificazione di epoche, stili e oggetti all’interno delle sale del Museo Bardini.
Così come nelle precedenti occasioni, Maggi affonda le mani nel passato della città, nel suo patrimonio artistico, per plasmare nuovi miti, questa volta in un luogo d’eccezione: la sede della collezione dell’antiquario e connoisseurfiorentino Stefano Bardini, noto come il “Principe degli antiquari”, di cui quest’anno si celebra il centenario dalla scomparsa.

Artista visivo e musicista, performer, pittore e scultore, Maggi mette in scena uno spettacolo continuo dove brandelli di leggende popolari, film dell’orrore, letteratura erotica e poesia romantica si innestano uno sull’altro creando un paesaggio estetico ibrido e mutevole, magico e insieme lugubre. Le sue opere sono frutto di una relazione intuitiva con una molteplicità di tecniche e linguaggi: dalla scultura alla performance, dalla pittura alla musica e alla danza.

BIOGRAFIA

Emiliano Maggi, nato a Roma nel 1977, esplora la costituzione e la disintegrazione del sé attraverso opere che, ampliando la gamma della rappresentazione figurativa, evocano regioni astratte oltre il regno della riconoscibilità. Una ricerca concentrata sulla forma umana che, nella visione dell’artista, include non solo il corpo ma anche la mente, l'immaginazione e l'anima. Le sue opere nascono da un rapporto intuitivo con una vasta gamma di tecniche e materiali - dalla pittura alla scultura, dalla performance alla danza, alla composizione di suoni ed elementi musicali- e formano un mondo in cui si intrecciano antropologia culturale, iconografia delle fiabe, cinema horror, fantasy e di fantascienza, letteratura erotica e immaginario rurale.Negli ultimi anni, la ceramica è diventata linguaggio privilegiato con cui l’artista si riferisce al corpo umano in maniera indiretta, anche attraverso vestiti o calzature, per affermare il valore dell’ambiguità, liberando l’immaginazione verso una realtà anticonformista, più libera e plurale.
Tra i musei, le istituzioni e le gallerie che hanno esposto i suoi lavori si ricordano: Setareh Gallery, Dusseldorf Germany;Museo Palazzo Abatellis, Palermo Italy; Museo Maxxi, Rome Italy; Museo Macro, Rome Italy; Revolver Galeria, Buenos Aires, Argentina; Museo Nazionale e Antica Città di Cosa, Ansedonia, Italy; Nomas Foundation, Rome, Italy; Operativa Arte Contemporanea, Rome, Italy; Museo Civico di Castelbuono, Palermo, Italy; Certosa di Padula, Salerno, Italy; Fondazione Menegaz, Palazzo Clemente Castelbasso, Italy; MRAC, Muséerégional d’art contemporainOccitanie, Sérignan, France; Revolver Galeria, Lima, Perù; Villa Lontana Fondazione Santarelli , Rome, Italy; Mimosa House, London UK; American Academy in Rome, Italy; Lorcan O’Neill Gallery, Rome, Italy; Foro Palatino, Rome, Italy; Q21, Vienna, Austria; Swiss Institute, Rome, Italy; Mona Museum, Hobart, Tasmania; Macro Testaccio, Rome, Italy; Italian Institute of Culture, Los Angeles USA.

Informazioni utili per la visita

Orario d'apertura: da martedì a domenica dalle 11.00 alle 17.00.
Biglietti: installazione pubblica.
Telefono: +39.055.291014
E-mail: pressmuseonovecento@musefirenze.it
Sito Web: Museo del Novecento

Contatti - Progetto In Italy Today - Cookie Policy

In Florence Today è aggiornato ogni giorno

© In Florence Today
Tutti i diritti riservati